IMG_1917

Agenda 2014

MS1 – SMART MOBILITY: UNA GRANDE OCCASIONE DI SVILUPPO
DELLE FILIERE INDUSTRIALI AUTOMOTIVE, ICT E LOGISTICA

Giovedì 13 novembre – Sala Londra, ore 9.00 -13.00

L’innovazione e la modernizzazione intelligente dei territori e delle città non può prescindere dall’innovazione, la pianificazione e l’evoluzione “smart” del settore mobilità.
La mobilità intelligente, pensata e realizzata a misura di cittadino, è infatti uno dei fattori determinanti nello sviluppo della Smart City e rappresenta una nuova frontiera per ridurre sprechi ed inquinamento e creare economie di scala sugli spostamenti di persone e merci, migliorando la logistica, riducendo i costi e ottimizzando i tempi di spostamento.
Numerose sono le best practice a livello nazionale ed internazionale, segno che sia le amministrazioni e le imprese da un lato, che i cittadini dall’altro lato, sono favorevoli allo sviluppo della Smart Mobility.
La nuova politica di coesione dell’UE richiede esplicitamente agli Stati membri e alle Regioni di incanalare gli investimenti comunitari su progetti ed interventi che mirino a ridurre le emissioni dei trasporti, attraverso il sostegno allo sviluppo di nuove tecnologie e la promozione di nuovi schemi di mobilità urbana multimodali, che prevedano l’utilizzo dei mezzi pubblici, ma anche spostamenti a piedi e in bici.
La Commissione Europea ha inoltre varato un piano d’azione per rendere sostenibile il settore automotive e propone azioni in tema di emissioni, finanziamento della ricerca (2014-2020), elettromobilità, sicurezza stradale, nuove conoscenze, regolamentazione intelligente, negoziati commerciali e armonizzazione a livello internazionale.

MAIN TOPICS

• Smart Mobility: best practice e politiche a livello territoriale
• Politiche, piani e nuovi bandi a livello europeo e governativo per lo sviluppo della Smart Mobility
• Il piano di azione della Commissione Europea per il settore automotive: CARS 2020
• Ricerca e Innovazione per la Smart Mobility: sviluppo delle filiere industriali dei settori Automotive, ICT e Trasporti

Chairman: Gian Luca Pellegrini, Direttore, QUATTRORUOTE

Interventi a cura di:
Guido Bolatto, Segretario generale, Camera di Commercio di Torino
Gianluigi Ferri, AD, Innovability
Carlo Silva, Presidente, ClickutilityTeam
Règis Faure, Direttore Generale, GL events – Lingotto Fiere
Enzo Lavolta, Assessore all’Innovazione della Città di Torino e Presidente Fondazione Torino Smart City, Città di Torino
Carlo Pettinelli, Direttore della Direzione crescita sostenibile e strategia “Europa 2020″, Commissione Europea
Ministero Infrastrutture e Trasporti
Margherita Migliaccio, Direttore Generale, Direzione generale per lo sviluppo del territorio, la programmazione e i progetti internazionali, Ministero Infrastrutture e Trasporti
Massimo Boldrini, Il Responsabile di Linea di Intervento per i progetti ITS, PON Reti e Mobilità 2007/2013 – Ministero Infrastrutture e Trasporti
Marco Martina, Partner di Deloitte ed esperto del settore automotive
Gino Bella, Professore, Università degli Studi di Roma – Tor Vergata
Giuseppina De Santis, Assessore alle Attività produttive, Regione Piemonte
Enrico Galleano, Presidente, Gruppo Giovani Imprenditori – Confindustria Cuneo
Gianfranco Giorda, , Direttore, ANFIA
Saverio Romeo, Principal Analyst M2M – The Internet of Things – Wearable Technologies – Smart Solutions, Beecham Research
Morten Hother Sørensen, Managing Director Denmark – Head of New Markets, EASYPARK

BS1 – INFRASTRUTTURE, TECNOLOGIE ED EVOLUZIONE DEI SERVIZI DIGITALI PER
LA SMART CITY: CLOUD COMPUTING, BIG DATA, OPEN DATA, OPEN GEO DATA,
TECNOLOGIA RFID & NUOVE APP.
MOTORI PER LA RIPRESA ECONOMICA?

Venerdì 14 novembre – Sala Londra, ore 9.45 – 13.00; 14.00 – 16:30

L’integrazione fra tecnologie energetiche, comunicazioni mobili ed infrastrutture sostenibili è un fattore abilitante per costruire la Smart City e migliorare l’offerta di servizi a cittadini ed imprese. Numerose sono ormai le best practice di applicazione di tecnologie che consentono di migliorare la vivibilità delle città.
Il processo che porta allo sviluppo della città intelligente è multidisciplinare e coinvolge diversi attori della filiera: dai fornitori di tecnologie, alle istituzioni, le università e la società stessa, a cui si richiede di operare dei cambiamenti e di compiere un salto tecnologico. Il tema delle Smart Cities è ormai elemento chiave della strategia per la ripresa economica del nostro Paese.
Agenda Digitale Italiana (ADI) e Horizon 2020 saranno i principali strumenti per l’attuazione delle politiche e delle strategie per l’ICT a livello italiano ed europeo.
Cloud Computing e soluzioni Big Data sono componenti tecnologiche fondamentali per lo sviluppo dei servizi digitali in una Smart City. L’offerta crescente di servizi basati su tecnologia cloud offre innumerevoli opportunità ad aziende e pubbliche amministrazioni, che possono ridurre i costi dell’IT e incrementare la qualità dei servizi. I Big Data pongono però da un lato il problema della gestione della massa di dati e del conseguente sviluppo di soluzioni, piani ed interventi che abbiano un reale impatto sulla qualità della vita nella città e di utilizzo di tali fonti informative a supporto di modelli di sviluppo e di sostenibilità delle cosiddette comunità intelligenti (smart communities); dall’altro lato pongono problemi di sicurezza dei dati e di privacy.
Grazie a leggi e direttive europee, italiane e regionali, gli enti pubblici si stanno gradatamente muovendo verso una distribuzione diffusa dei propri dati, di tutti quei dati raccolti e archiviati, che vengono resi accessibili a tutti (Open Data). All’avviato processo di apertura dei dati deve però seguire un lavoro di standardizzazione dei modelli, di feedback da parte di aziende e sviluppatori, di selezione dei dataset da aprire a tutti, che consenta l’utilizzo di questi dati per lo sviluppo di nuovi mercati di business e la ripresa economica. Se a livello nazionale si registra una lenta, ancorché progressiva, consapevolezza normativa del fenomeno open data, segnali più incoraggianti giungono dalle esperienze regionali. L’esempio più significativo è rappresentato dalla Regione Piemonte, che nel maggio 2010 ha inaugurato il proprio portale sui dati aperti: dati.piemonte.it (oltre un anno prima del portale nazionale dati.gov.it).
Tra le tipologie di dati aperti molto utili per il rilancio e la ripresa economica del Paese vi sono i dati geografici. La diffusione degli Open Geo Data potrà dare un grande impulso all’utilizzo degli strumenti GIS e BIM nella pianificazione del territorio e nella progettazione di infrastrutture. Con notevoli vantaggi dal punto di vista dei costi, dei tempi e della qualità dei risultati, favorendo la costruzione di città ed infrastrutture sostenibili.

MAIN TOPICS

• Tecnologie e Infrastrutture per la Smart City: quali cambiamenti da qui al 2020?
• Digitalizzazione dei processi amministrativi e diffusione di servizi digitali della PA
• Nuovi strumenti per la Smart City: Agenda Digitale e Horizon2020
• Cloud come filosofia e opportunità d’impresa. Quante e quali opportunità offre la tecnologia Cloud?
• Problematiche per la gestione delle tecnologie Cloud e delle soluzioni Big Data: government, sicurezza e privacy
• Open Data 2020: problemi e prospettive per l’Italia
• Linked open data e cittadinanza attiva
• La Geomatica al servizio della Smart City
• Standardizzazione dei modelli e selezione dei dataset per lo sviluppo di nuovi mercati di business
• OpenData & OpenGeoData per la ripresa economica del Paese
• Applicazione delle tecnologie RFID per la gestione dei servizi nella Smart City
• Nuove applicazioni ed erogazione di servizi di comunicazione e collaborazione ai cittadini e alle aziende
• Creare apps di successo per la smart mobility: stato dell’arte, tecnologie e trend

Chairman: Alfonso Quaglione, General Manager & Owner, RivistaGEOmedia

Interventi a cura di:
Enzo Lavolta, Assessore all’Innovazione della Città di Torino e Presidente Fondazione Torino Smart City, Città di Torino
Elio Catania, Presidente, Confindustria Digitale
Francesco Tortorelli, Responsabile Area Architetture, Standards e Infrastrutture, Agenzia per l’Italia Digitale
Mario Polosa, Marketing Manager Business Unit Machine to Machine & IoT Services, Telecom Italia Digital Solutions
Sergio Gambacorta, Smart Cities Program Manager, Vodafone
Paolo Bubisutti, Sales Manager Embedded Boards & Systems, Eurotech SEMEA
Nicola Lavenuta, CEO, Macnil Technology Solutions – GRUPPO ZUCCHETTI
Valerio Bertuccelli, Amministratore, Sistema Ambiente
Nello Iacono, Vice Presidente, Stati Generali dell’Innovazione, Presidente, Istituto Italiano Open Data
Giovanni Biallo, Presidente dell’Associazione OpenGeoData Italia, nel direttivo dell’Istituto Italiano Open Data
Federico Morando, Director of Research and Policy & Research Fellow, Centro Nexa su Internet & Società, Politecnico di Torino; Lead Creative Commons Italia
Sergio Duretti, Direttore Generale, CSP – Innovazione nelle ICT
Roberto Moriondo, Direttore Innovazione, Ricerca, Università e Sviluppo Energetico Sostenibile, Regione Piemonte
Anna Cavallo, CSI Piemonte
Gianluigi Cogo, HOMER Project Manager and responsible for Veneto Digital Agenda, Regione Veneto
Lorenzo Bertuccio, Direttore Scientifico, Euromobility

BS2 – MOBILE PAYMENT PER LO SVILUPPO DELLA SMART CITY (MOBILITÀ, ACCESSI, SOSTA)

Venerdì 14 novembre – Sala Lisbona, ore 9.00 – 13.15

Le nuove tecnologie consentono di rendere piu accessibile ed efficiente l’accesso ai servizi da parte del cittadino, tra questi il pagamento dei mezzi di trasporto pubblici, il pagamento dei parcheggi, dei servizi di car sharing, di ricarica dei mezzi elettrici e l’accesso alle zone a traffico limitato, che sono quelli maggiormente adottati.
Grazie alle nuove tendenze dello Smart Payment i cittadini possono accedere ad ulteriori servizi di pubblica utilità. In questa sessione si farà un focus e un confronto tra quelle che sono le soluzioni e le tecnologie di Smart e mobile payment più innovative.

MAIN TOPICS

• Scenari evolutivi del mobile payment: focus su normative e sviluppi di sistemi e tecnologie nei prossimi anni
• Pagamenti di prossimità e sviluppi della tecnologia NFC: focus HCE, i pagamenti NFC verso il cloud
• Nuove frontiere del payment: pagamenti tramite il proprio credito telefonico
• Soluzioni tecnologiche emergenti e nuovi business model
• Smart Ticketing e mobile applicato al settore della mobilità, servizi di pubblica utilità e altri beni: le sperimentazioni in atto e prospettive di sviluppo
• Evoluzione degli standard RFID per la mobilità e il trasporto
• e-ID e mobile: prospettive di sviluppo e possibili convergenze
• Le nuove frontiere tecnologiche dei sistemi di pagamento e di utilizzo dei biglietti elettronici
• Providers di Servizi di Pagamento

Chairma:
Roberto Garavaglia, Professionista nel settore dei Pagamenti Elettronici e fondatore del blog closetopay.com

Interventi a cura di:
Valeria Portale, Responsabile della Ricerca dell’Osservatorio Mobile Payment & Commerce, Politecnico di Milano
Giovanni Laudicina, Country Manager Italia, EASYPARK
Daniela Manuello, Direttore Marketing, PosteMobile
Paola Visentin, Resp. Marketing & Global Communication, RFID Global
Alessandro De Domenico, IT Manager, Caronte & Tourist
Francesco Italia, Vice Sindaco, Comune di Siracusa
Giorgio Fanesi, Presidente e Amministratore Delegato, Pluservice
Guido Campra, Affiliazioni & Partnership, Consorzio Movincom
Maria Paola Masturzo, Direttore Commerciale, PosteMobile
Giuseppe Ventre, Responsabile Area Amministrazione Finanza e Controllo, ATB Bergamo
Fabrizio Calvo, Responsabile Sistemi Area Commerciale – Direzioni Sistemi Informativi, Trenitalia
Vincenzo Bloise, Responsabile, Soluzioni per Infomobilità, TPL e altro Mercato, Almaviva

BS3 – E-TICKETING: EVOLUZIONE DELLO SCENARIO NAZIONALE E
IL PERCORSO DI SVILUPPO DEL SISTEMA BIP DELLA REGIONE PIEMONTE

Venerdì 14 novembre – Sala Lisbona, ore 14.00 – 16.00

Il Biglietto Integrato Piemonte (BIP) è un innovativo sistema di bigliettazione elettronica che permette, grazie a una smart card contactless di accedere a qualsiasi mezzo pubblico (appositamente attrezzato) in qualunque zona del territorio regionale.
IL sistema di bigliettazione elettronica della Regione, avviato nel 2011 (a partire servizio di trasporto extra-urbano della provincia di Cuneo) prevede un implementazione graduale e sta proseguendo il suo percorso di sviluppo consolidando la presenza sul territorio e attivando nuove funzionalità: gestione “paperless” della vendita dei titoli di viaggio, credito trasporti, integrazione con i sistemi di bigliettazione di Trenitalia.

Chairman: Lorenzo Marchisio, Dirigente responsabile del Settore Pianificazione, programmazione ed infomobilità, Regione Piemonte

Interventi a cura di:
Francesco Balocco, Assessore ai Trasporti, Infrastrutture, Opere Pubbliche e Difesa del Suolo, Regione Piemonte
Daniela Carbone, Dirigente Servizio Innovazioni Tecnologiche, ASSTRA
Paolo Ferrecchi, Direttore Generale Reti infrastrutturali Logistica e Sistemi di Mobilità, Regione Emilia Romagna
Mauro Paoletti, Amministratore di Bacino, Consorzio Granda Bus
Manfredo Losco, Application Manager Telemaco, Pluservice
Paolo Sandri, dirigente responsabile delle vendite e dello sviluppo GTT Torino
Giuseppe Proto, Vice Presidente, Consorzio Extra.To

BS4 – AVL/AVM AND FLEET MANAGEMENT

Giovedì 13 novembre – Sala Dublino, ore 10.30 – 13.00

Terminali di bordo e sistemi di navigazione professionali al servizio della gestione e localizzazione delle flotte veicolari nell’ambito del trasporto pubblico, del noleggio auto, del mercato delle spedizioni-logistica e degli asset aziendali.
Sviluppo delle tecnologie di strumentazione, dei sistemi di tracciamento e navigazione, delle tecnologie trasmissive e dell’integrazione con le reti veicolari, per monitorare lo stato operativo dei veicoli, la localizzazione geografica sul territorio e l’ottimizzazione dei percorsi.
Applicazioni e nuove soluzioni per il monitoraggio e la gestione del traffico.

MAIN TOPICS

• Il monitoraggio e la telelocalizzazione dei veicoli
• La gestione dei percorsi, l’integrazione con le condizioni di traffico e le comunicazioni tra i veicoli e la sala operativa
• Sistemi per la generazione e programmazione delle rotte ottimizzate, per lo scambio comunicazione e messaggistica con il veicolo e per la creazione di reportistica e statistica del servizio
• La gestione di flotte commerciali oltre la localizzazione: la diagnostica e manutenzione programmata remota, le assicurazioni pay-per drive, la gestione allarmi in modalità antifurto, l’immobilizzazione remota dopo il furto di un veicolo, la certificazione delle consegne e l’amministrazione del carico-scarico merci
• Nuove frontiere per il monitoraggio e la gestione del traffico: asset management e tracking mediante utilizzo di RFID, RTLS, WiFi e altre soluzioni innovative

Chairman: Romano Lovison, Presidente, ANSSAT

Interventi a cura di:
Pietro Teofilatto, Direttore Comparto Noleggio a Lungo Termine, ANIASA
Mario Caporale, ASI – Delegato al Programma Galileo in EU e ESA – Rappresentante nazionale, ICG (International Committee on Satellite Navigation)
Andrea Marella, DataFromSky (RCE Systems)

Massimiliano Ronzitti, Account Executive Enterprise Sales, HERE
Marco Federzoni, Sales Director Italia, TomTom Telematics
David Lucchesi, Sales Manager – ITS Communications, SATEL

BS5 – ON-BOARD TELEMATICS AND CAR SENSORS

Giovedì 13 novembre – Sala Dublino, ore 15.45 – 18.00

La telematica di bordo sta diventando essenziale per l’industria automotive. Il numero di auto equipaggiato con sistemi di comunicazione è sempre più elevato. Il futuro di questo segmento di mercato dipende dalla capacità di integrare le tecnologie di navigazione e le comunicazioni digitali senza fili attraverso il WiFi o le reti cellulari.  Panoramica del mercato della telematica e servizi satellitari professionali e consumer: quali le applicazioni e le nuove opportunità di business?

MAIN TOPICS

  • Terminali di bordo e sistemi di navigazione: evoluzione delle tecnologie e integrazione rete-veicolo
  • Moduli cellulari embedded, nuove tecnologie di trasmissione e programmabilità: verso la trasmissione superveloce attraverso sofisticate interfacce di programmazione.
  • Sistemi di visione per veicoli
  • Sensori wireless per la guida del veicolo e strumenti di diagnostica in remoto per la manutenzione predittiva
  • Moduli wireless OEM, Comunicazione Veicolo-Veicolo (C2C) e Tecnologie di trasmissione Auto-Infrastruttura: applicazioni e standards
  • Terminali di bordo e software embedded open source e proprietario per l’uso del veicolo

Chairman: Agostino Fornaroli, Senior Consultant Transportation, European Certification Board of Logistics

Interventi a cura di:
Marco Canesi, M2M Sales & Marketing Manager Italy & Turkey, Vodafone
Zurab Facini, Il responsabile di sviluppo internazionale, OMNICOMM
Fedele Gallileo, Sales Manager, Gemalto M2M Italy
Lucia Locuratolo, ITS Program Manager, Magneti Marelli
Giannicola Marengo, Vicedirezione Area Territorio, Trasporti e Protezione civile – Dirigente del servizio trasporti, Provincia di Torino

BS6 – SMART PARKING & SOLUZIONI INNOVATIVE PER LA GESTIONE DEGLI ACCESSI ALLE CITTÀ

Giovedì 13 novembre – Sala Lisbona, ore 14.00 – 18.00

Gestire la mobilità nei centri urbani e nelle relative vie di accesso oggi è una sfida complessa che richiede un equilibrio tra: esigenze di trasporto e parcheggio di residenti, attività commerciali, pendolari e visitatori, mantenendo al tempo stesso la vitalità e le peculiarità proprie di ogni centro urbano.
Per facilitare la gestione del traffico sono oggi disponibili sistemi telematici che rilevano e dirigono automaticamente il flusso di persone e veicoli. Tali sistemi possono essere utilizzati per gestire le esigenze di mobilità, sorvegliare il traffico, fornire informazioni su viabilità e tempi di percorrenza oppure come strumenti efficaci per il monitoraggio e il controllo delle condizioni ambientali, come le emissioni nocive (CO2, PM10, ozono, ecc.) e dell’’inquinamento acustico.
In questo ambito stanno emergendo soluzioni innovative per il pagamento, la gestione della sosta e la regolazione e il controllo degli accessi alle città.

MAIN TOPICS

• Gestione della mobilità nei centri urbani
• Smart Parking: progetti, soluzioni e tecnologie innovative
• Sistemi telematici per la gestione del traffico e dei dati (viabilità, tempi di percorrenza, monitoraggio ambientale)
• Soluzioni innovative per il pagamento, la gestione della sosta, la regolazione e il controllo degli accessi alle città

Chairman: Piero Craveri, Past President, AIPARK

Interventi a cura di:
Claudio Lubatti, Assessore alla Viabilità e Trasporti, Città di Torino
Morten Hother Sørensen, Managing Director Denmark – Head of New Markets, EASYPARK
Enrico Sponza
, Presidente, Consorzio Movincom
Giuseppe Mascino, Responsabile Commerciale Italia, Pluservice
Paolo Lanari, CEO & Co-founder, Kiunsys
Marco Moretti, Managing & Sales Director Italy, Netsize
Enrico Podestà, Founder & CEO, Input
Mauro Di Giamberardino, Founder & CEO, SMART-I
Alessandro Fiorindi, Direttore, Pisamo – Comune di Pisa
Gaetano Garufo, Consigliere Direttivo, Aipark
Michela Mingardo, Mobility Manager, Comune di Treviso

BS7 – LA TECNOLOGIA A SUPPORTO DEI NUOVI MODELLI DI GOVERNANCE DELLA CITY LOGISTICS

Venerdì 14 novembre – Sala Madrid, ore 9.00 – 13.00

L’aumentata e incontrollata distribuzione delle merci nelle aree urbane genera elevati costi per la collettività in termini di congestione del traffico, inquinamento ambientale e acustico, consumo energetico, sicurezza, degrado urbanistico, diminuzione dei livelli di accessibilità. Queste esternalità negative sono causate in larga parte da una logistica delle merci. A fronte di queste criticità risulta evidente la necessità di individuare e realizzare soluzioni innovative attraverso sistemi intelligenti in grado di rendere le nostre città accessibili, sicure e vivibili. Il Convegno propone una riflessione su come potranno evolvere i processi e sistemi per la distribuzione urbana delle merci alla luce delle nuove politiche e piani che sono stati messi in campo a livello governativo (es. Piano Nazionale ITS) e in particolare verrà presentato il Progetto URBe-LOG, che come città pilota di sperimentazione del progetto ha le città di Torino, Genova e Milano.

Chairman: Massimo Marciani, FIT Consulting

Interventi a cura di:
Claudio Lubatti, Assessore alla Viabilità e Trasporti, Città di Torino
Antonella Galdi, Vice segretario, ANCI
Cleto Carlini, Direttore del Settore Mobilità Sostenibile, Comune di Bologna
Massimo Boldrini , Il Responsabile di Linea di Intervento per i progetti ITS, PON Reti e Mobilità 2007/2013 – Ministero Infrastrutture e Trasporti
Gian Piero Di Muro , Linea di Intervento per i progetti ITS, PON Reti e Mobilità 2007/2013 – Ministero Infrastrutture e Trasporti
Ivan Calaon, Iveco Product Development & Engineering – Innovation Truck & Bus, CNH Industrial
Eugenio Morello, Centro Studi Sistemi di Trasporto (CSST), EMEA Commercial Services & Customer Care, CNH Industrial
Matteo Scola, RFID Project Manager, FASTHINK – Gruppo TELEKOM ASSIST EUROPE
Enrico Pastori, Responsabile dell’area logistica e trasporto merci, TRT Trasporti e Territorio
Rossella Panero, Presidente, TTS Italia
Antonello Fontanili, Direttore, Uniontrasporti
Maurizio Longo, Segretario generale, Trasporto Unito
Matteo Gasparato, Presidente, UIR
Carlo Maria Medaglia, Professore, Università La Sapienza di Roma

BS8 – LO SVILUPPO DELLA MOBILITÀ ELETTRICA
Convegno organizzato in collaborazione con il CEI-CIVES.

Giovedì 13 novembre – Sala Londra, ore 14.00 – 18.00

Una delle risposte più efficaci all’inquinamento da traffico è certamente l’auto elettrica. Almeno un terzo delle emissioni di gas serra prodotti dall’uomo infatti deriva dai trasporti.
Grazie ai veicoli elettrici è possibile dunque ridurre in maniera significativa le emissioni, con conseguente miglioramento della qualità della vita, in particolar modo in città.
A gennaio, l’UE ha varato la Clean Fuel Strategy, un piano che intende incoraggiare la diffusione di veicoli di nuova generazione: secondo il piano, infatti, entro il 2020 l’Italia dovrà dotarsi di 125.000 punti di ricarica per le auto elettriche. Oggi partiamo da una base di 1.350. Una rete infrastrutturale capillare sul territorio rappresenta il presupposto per un effettivo attecchimento della mobilità alternativa.
Se una capillare distribuzione della rete di ricarica è una risposta alle incertezze sull’approvvigionamento, ulteriori segnali positivi arrivano anche dal mercato. Sempre più performanti e accessibili, i nuovi modelli di veicoli elettrici escono dalle case automobilistiche. E in questo contesto, il decreto legislativo Sviluppo 83/2012, convertito in legge 134/2012, propone incentivi per l’acquisto di veicoli elettrici fino al 2015, incentivi che possono arrivare al 20% del valore del veicolo, per una massimo di 5.000 euro.
In questa sessione si fa un punto su stato dell’arte, prospettive di sviluppo della mobilità elettrica in Italia con particolare riferimento alle nuove normative, incentivi e progetti legati all’e-mobility e alla distribuzione della rete di ricarica, nonché su sviluppo e innovazione del mercato dell’auto elettrica.

MAIN TOPICS

• Le policy e gli strumenti nazionali per incentivare la mobilità elettrica e sostenere lo sviluppo delle infrastrutture e della rete di ricarica elettrica.
• Lo sviluppo del sistema di ricarica dei veicoli elettrici: nuove regole e obiettivi della UE per lo sviluppo della rete con standard unici; Presentazione del Manuale redatto dal CEI-Cives per le PA, sui sistemi, le regole e le modalità di sviluppo della Mobilità elettrica in Italia
• Piano nazionale infrastrutturale per la ricarica dei veicoli alimentati ad energia elettrica
• I principali progetti avviati in Italia
• Evoluzione del mercato dei veicoli a tecnologia elettrica: le novità sul mercato
• Electric Vehicle Charging: tecnologie e soluzioni per la ricarica dei veicoli elettrici
• Evoluzione delle batterie per Electric Light Vehicles

Al termine del convegno verrà distribuito ai partecipanti, fino ad esaurimento copie, il Libro Bianco sulla Mobilità Elettrica del CEI-CIVES

Chairman:
Edoardo Croci, Direttore, SmartCity & MobilityLab
Pietro Menga, Presidente, CEI-CIVES

Interventi a cura di:
Margherita Migliaccio, Direttore Generale, Direzione generale per lo sviluppo del territorio, la programmazione e i progetti internazionali, Ministero Infrastrutture e Trasporti
Alberto Valmaggia, Assessore Ambiente, Parchi, Montagna, Foreste, Protezione civile, Urbanistica, e Programmazione territoriale, Regione Piemonte
Laura Tribioli, Ingegnere, Università degli Studi di Cusano – Telematica Roma
Marco Girelli, Direttore Sales & Marketing, Alphabet
Sergio Torre, Responsabile Pianificazione Strategica & Controlling, Duferco Energia
Angelo Matteo Pertosa, BU Innovation e E-Mobility Director presso la Sitael e Responsabile del progetto iBike
Olivero Giannini, Professore, Università degli Studi di Cusano – Telematica Roma
OMassimiliana Carello, Presidente e fondatore, OSpin Off BeonD
Franco Barbieri, Amministratore, Route220

BS9 – NATURAL GAS FOR GREEN MOBILITY
International Summit
Metano – Biometano – Gas Naturale Liquefatto (GNL)

Giovedì 13 novembre – Sala Parigi, ore 9.30 – 13.00 e 14.00 – 18.30

Prima sessione
Come accelerare lo sviluppo della filiera del gas naturale per autotrazione: iniziative, novità normative, tecnologie emergenti e le potenzialità del biometano”

Giovedì 13 novembre – Sala Parigi, Piano Mezzanino, ore 9.30 – 13.00

Da diversi anni ormai registriamo un consolidato incremento del numero di distributori di metano per autotrazione, passato dai 706 distributori nel 2009 ai 1020 distributori a luglio 2014.
Parimenti, sempre più persone scelgono i veicoli a metano o scelgono di trasformare i loro veicoli in auto a metano. Nel 2013 gli autoveicoli a metano immatricolati nuovi insieme a quelli trasformati sono stati 93.534, contro gli 80.452 del 2012; vi è quindi stato un aumento del 16,3%.

Tra le novità emergenti rientrano: le stazioni di rifornimento basate sull’impiego del GNL che potranno integrarsi con quelle dei carburanti tradizionali, la possibilità di istallare distributori self service
Alcune regioni prevedono inoltre politiche e piani di sviluppo della rete basati su incentivi.

Un’altra grande opportunità di sviluppo della filiera del gas naturale è rappresentata dal Biometano applicato all’autotrazione.
Il Biometano presenta notevoli vantaggi:
– rappresenta una fonte rinnovabile programmabile;
– genera una riduzione della dipendenza dalle importazioni di gas naturale;
– sostiene lo sviluppo dell’economia locale;
– garantisce la crescità della sostenibilità ambientale;

L’attivazione della filiera agro-energetica del biometano si presenta dunque come una opportunità da perseguire con forza nell’ottica dello sviluppo della green economy nel nostro Paese

Chairman: Nicola Ventura, Ecomotori.net

Interventi a cura di:
Giuseppina De Santis, Assessore alle Attività produttive, Regione Piemonte
Giacomo Orlanda, Direzione Attività Produttive, Settore Programmazione del settore terziario Commerciale, Regione Piemonte
Diego Gavagnin, Comunicare Energia
Michele Ziosi
, Direttore Relazioni Istituzionali Europa, Medio Oriente, Africa, CNH Industrial
Valeria Albizzati, EMEA Institutional Relations, Fiat Chrysler Automobiles
Andrea Gerini, Centro Ricerche Fiat
Maria Rosa Baroni, Presidente, NGV Italy
Piero Gattoni, Presidente, Consorzio BioGas
Dante Natali, Presidente, Federmetano
Paolo Vettori, Presidente, Assogasmetano

Seconda sessione
GNL (gas naturale liquefatto) per l’autotrazione: dalle best practices europee all’avvio della filiera italiana

Giovedì 13 novembre – Sala Parigi, Piano Mezzanino, ore 14.00 – 18.30

Il GNL (gas naturale liquefatto) per autotrazione inizia a farsi strada anche in Italia.
A fine aprile 2014 è stato ha inaugurato a Piacenza il primo distributore di metano liquido del Paese, cui seguiranno nei prossimi quattro anni nuove aperture lungo le principali arterie nazionali dell’autotrasporto. Tutte le case costruttrici di mezzi pesanti stanno investendo e oggi sono sono già disponibili con alcuni mezzi pesanti sia mono che dual fuel.
Iveco, societa’ del Gruppo CNH Industrial ha già lanciato sul mercato europeo il nuovo Stralis LNG, veicolo a gas naturale liquefatto adatto alla distribuzione sulle tratte medie e alle consegne notturne che a breve.
Per favorire e consolidare questa nuova filiera il Governo Italiano, si è impegnato ad adottare iniziative per la realizzazione di centri di stoccaggio e ridistribuzione nonché norme per la realizzazione dei distributori di Gas Naturale Liquefatto in tutto il territorio nazionale, anche al fine di ridurre l’impatto ambientale dei motori diesel nel trasporto via mare e su strada, nonché di ridurre i costi di gestione ormai divenuti insostenibili per tutti gli utilizzatori di motori diesel e per sviluppare l’uso del GNL.
Pertanto, il Ministero dello Sviluppo Economico, attraverso la costituzione di un Gruppo di coordinamento nazionale sta già lavorando predisposizione del Piano Strategico Nazionale sull’utilizzo del GNL in Italia.

Chairman: Andrea Molocchi, Ecba Project

Interventi a cura di:
Vincenzo Zezza, Responsabile Sottogruppo di lavoro GNL per autotrasporto, Ministero Sviluppo Economico
Ecomotive Solutions
Rita Caroselli
, Direttore, Assogasliquidi
Mariarosa Baroni
, Presidente, NGV Italy
Fred Schouten, CEO, Rolande LNG B.V. e IVECO Schoeten 
Peter Hendrickx, Operational Manager, Rolande LNG B.V.
Mario Ambrogi, CEO, LC3 
Federico Giovanetti, Iveco Medium & Heavy Trucks, Alternative Fuels Product Management, CNH Industrial Ecomotive Solutions
Matthias Maedge, Deputy Secretary General & Director EU Affairs, NGVA Europe
Mauro Chiotasso, Coordinatore Progetto Rete LNG Italia Freight, UIR (Unione Interporti Riuniti)
Giovanni Lorenzo Forcieri, Presidente, Autorità Portuale La Spezia
Renzo Provedel, Vice Presidente, SOS LOG, associazione per la Logistica Sostenibile
Paolo Mora, Direttore Vicario Commercio, Reti Distributive e Tutela dei Consumatori, Regione Lombardia
Piero Onofri
, Responsabile Rapporti con la Comunità Europea, ANTIA
Gilberto Dialuce*
, DG e coordinatore del tavolo di concertazione sul GNL, Ministero Sviluppo Economico

* in attesa di conferma

BS10 – SHARING MOBILITY. TAXI, NCC, CAR SHARING, CAR POOLING, CAR RENTAL, ECC. DIVENTANO DIGITALI, SHARED E SOCIAL: SOLUZIONI E CRITICITÀ

Venerdì 14 novembre – Sala Dublino, ore 9.30 – 13.15; 14:15 – 16:00

L’elevato costo di acquisto di un auto privata, le spese di mantenimento (in primis assicurazione), manutenzione e quelle relative al carburante costituiscono un insieme di concause che stanno determinando un crescente interesse per i mezzi pubblici e per le nuove soluzioni di smart mobility. Il panorama è in rapida evoluzione, anche nel nostro Paese e l’approdo in Italia negli ultimi mesi di numerosi nuovi operatori, soprattutto nelle due metropoli di Milano e Roma, ha contribuito ad aumentare la conoscenza del car sharing e la diffusione del concetto di “Sharing Mobility”.
Come conferma uno studio Deloitte-Aniasa il servizio del “car sharing”, (l’Auto in condivisione), è in ascesa in quanto costituisce una valida alternativa al mezzo privato in tempi di crisi, sia per le aziende che per i privati. Le nuove generazioni sono tre volte più interessate ai servizi rispetto al solo “prodotto” auto e mostrano massima apertura verso modelli di trasporto alternativi al possesso del mezzo (giudicato troppo oneroso), soprattutto se affidabili e gestibili attraverso le nuove tecnologie.

MAIN TOPICS

• Car Sharing: economicità, flessibilità e semplicità di accesso
• Gli altri sistemi “shared” di mobilità: car pooling, car rental, ecc.
• Best practice a livello europeo e nazionale

Chairman: Gianluca Baldini, Collaboratore, Il Venerdi di Repubblica, Gruppo Editoriale L’Espresso

Interventi a cura di:
Giovanna Rossi, Directorate-General for Sustainable Development, Climate and Energy, Ministry of Environment
Pietro Teofilatto, Direttore Comparto Noleggio a Lungo Termine, ANIASA
Fabio Era, Senior Researcher, Divisione Public Affairs, Ipsos
Marco Mastretta, ICS – Car sharing initiative
Marco Cordeddu, consigliere delegato, Car City Club
Marco Girelli, Direttore Sales & Marketing, Alphabet
Alessandro Brancati, Project Manager, City Free Project
Mario Cuollo Conforti, Fondatore e Amministratore, Be Smart
Giambattista Pignataro, Project Manager / NMU, City Roaming (Ci.Ro.)
Alessandro Salvi, Soggetto Attuatore, S2Move
Salvatore Di Dio, Presidente PUSH – Project Manager, TrafficO2
Ermete Realacci, Presidente Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici, Camera dei Deputati
Andrea Baio, Vicepresidente Mobilita Palermo, responsabile relazioni esterne e pianificazione, Muovity
Antonio Maria Igor Cosma, Project Manager, Progetto SMOB
Gerard Albertengo, fondatore e CEO, Bringme
Cristiano May, Co-founder CleaNap – Project Manager, Bike Sharing Napoli

TS1 – INSURANCE TELEMATICS

Giovedì 13 novembre – Sala Dublino, ore 14.00 – 15.40

Questa sessione fa riferimento all’Azione Prioritaria 4 del Piano Nazionale degli ITS, relativa all’estensione dei Servizi ITS per mezzi di trasporto privati (BlackBox), in accordo con compagnie assicurative, con iniziative a vantaggio del privato. Al giorno d’oggi il mercato delle assicurazioni telematiche coinvolge milioni di conducenti e la tecnologia sta cambiando il settore delle assicurazioni automobilistiche con modalità e tempistiche che non erano state previste. Le UBI (Usage-Based Insurance) sono entrate in una forte fase di crescita, portando così il mercato ad uno stadio più maturo con modelli di business basati su solidi data mining, con un’analisi dei comportamenti dei conducenti e una valutazione del rischio effettivo.

MAIN TOPICS

• Quali sono i fattori importanti per il successo futuro dei prodotti UBI a livello europeo?
• Quali le tendenze tecnologiche, i modi di valutare, comparare e scegliere soluzioni tecnologiche?
• Quali opportunità per i produttori di auto, gli addetti alle telecomunicazioni e quale impatto avranno gli smartphone come dispositivi “UBI”?
• Quali novità per gli assicuratori e per le aziende di noleggio, come utilizzeranno i dati ottenuti dalle “connected car” per dare benefici ai loro clienti e ottenere profitti?
• Quali sono i servizi chiave nel mercato dell’insurance telematics, il cui focus è il comportamento, la sicurezza e l’incolumità dei conducenti che hanno realmente ridotto di un significativo ammontare il tasso di perdita per l’assicuratore

Chairman: Agostino Fornaroli, Senior Consultant Transportation, European Certification Board of Logistics

Interventi a cura di:
Rossella Sebastiani, Dirigente Ufficio Normativa Servizio Auto – Direzione Centrale Auto, Distribuzione e Consumatori, ANIA
Sergio Tusa, Associate partner, PTOLEMUS Consulting Group
Giuseppe Lemessi, Automotive Telematics Services Manager, Octo Telematics
Massimo Bertagna, Product Manager BU Insurance, Viasat
Bernhard Scherer, Director Sales Italia, PTV Group

H1 – DESIGNED IN GREEN

Designed in Green è nato nel 2013 con l’idea di diffondere la cultura dell’automobile sostenibile integrando gli aspetti etici con quelli estetici e tecnici.  L’evento è una piattaforma di confronto dove progettisti, società di design e di engineering, aziende che si occupano di mobilità e che sono impegnate sulla sostenibilità ambientale, raccontano la loro esperienza, condividono studi e ricerche, si tengono aggiornati sui temi e presentano i propri servizi e capacità progettuali ai potenziali clienti. Dove i giovani designer possono presentare i frutti dell’applicazione del loro talento ed interagire con colleghi affermati. Dove le aziende e gli enti di ricerca che sono impegnate sul fronte dei materiali per la sostenibilità dei trasporti possono presentare i propri prodotti e risultati ad un target mirato di utilizzatori e influenzatori.

Come progettare e costruire un’auto migliore?
SESSIONE DI APERTURA DEL CONVEGNO
Giovedì 13 novembre, Sala Atene, ore 9.30 – 13.00

Il design industriale, anche quello applicato all’automobile, è un metodo per raggiungere un obiettivo di prodotto nel modo più elegante possibile soddisfacendo le esigenze e risolvendo i problemi. Nel corso dei decenni i “fini”, i “for” del design sono cresciuti e si sono differenziati. Questa sessione esaminerà alcuni dei “for” che si devono considerare per la progettazione di un’automobile, più o meno comuni, a seconda degli obiettivi che i progettisti e le case automobilistiche si pongono. Un’auto deve essere sicura, per chi guida, per i passeggeri e per i pedoni. Deve essere il più possibile semplice da usare, per non assorbire troppa attenzione del conducente, semplice da manutenere, almeno nelle sue parti essenziali. Per altri obiettivi invece l’automobile deve percorrere la strada della sostenibilità ambientale, in altri ancora deve essere costruita per le grandi performance. Tutti d’accordo che il design automobilistico italiano è uno dei primati che il mondo riconosce e per cui uno dei “design for” evidenzierà la forza del marchio italiano, della brand identity di ogni singola azienda di styling nazionale, ancora forte e ricercata e arricchita da nuovi ”carrozzieri” che affiancano le firme storiche. La sessione esaminerà tutte queste “for” con l’intervento di designer e di esperti, dando la parola alle aziende in grado di fornire i servizi e le capacità progettuali che trasformano le metodologie in prodotti.

MAIN TOPICS

• Methodologies of Automotive Design
• Bersaglio mobile: cosa può rendere migliore l’auto oggi e nei prossimi dieci anni ?
• A Better Driver Interaction
• Disassemby and Recycling, cosa gli operatori chiedono a designer e costruttori
• Safety
• Performance (titolo provvisorio)
• Time-to-market: gli strumenti per tagliare i tempi di definizione del prodotto automobile
• Case Studies:
• Normative e casi di eccellenza nel riciclo di componenti automobilistici a livello europeo
• Future Vision for a Sustainable Car

Partecipano

Roberto Sposini, Direttore, Gente Motori

Metodologie del design automobilistico
Paolo Massai, Docente di ingegneria del veicolo, Politecnico di Torino

A Better Driver Interaction
Design history: Renault NEXT-Two é il futuro dell’’automobile?

Luciano Bove, R&D Design Manager, Renault

Disassemby and Recycling, cosa gli operatori chiedono a designer e costruttori
Anselmo Calò, Presidente, Confindustria-Unire

Time-to-market: gli strumenti per tagliare i tempi di definizione del prodotto automobile
Italo Moriggi, Founder, Skorpion Engineering

Case Studies:
Normative e casi di eccellenza nel riciclo di componenti automobilistici a livello europeo
Intervento a cura di Alessio De Marchi, Rappresentante per l’Italia, COBALT

Future Vision for a Sustainable Car
A cura dei ricercatori dell’Università IUAV di Venezia – Responsabile Scientifico, Carlo Gaino

Tavola rotonda: come armonizzare i requisiti di miglioramento
Panel di discussione moderato da Enrico Leonardo Fagone, architetto e autore

Designed in Green Contest
PREMIAZIONI
Giovedì 13 novembre, Sala Atene, ore 14.00 – 17.00

Presentazioni dei dieci finalisti
Proclamazione dei tre vincitori
Consegna dei premi

La premiazione del concorso sarà in diretta streaming

Conduce la premiazione Matteo Fioravanti, Presidente della giuria Designed in Green – Design & Engineering Director, Fioravanti

I materiali per un’automobile sostenibile
CONVEGNO E WORKSHOP
Venerdì 14 novembre, Sala Varsavia, Piano Mezzanino, ore 10.00 – 17.00

La sessione sarà suddivisa in due parti: una convegnistica in cui gli esperti – professionisti e aziende – presenteranno lo stato dell’arte, studi e case history sull’argomento, tema caldo e sempre più al centro dell’attenzione quando si parla della progettazione delle nuove automobili “green”. Al termine della sessione frontale, seguirà un laboratorio aperto a tutti gli studenti e ai professionisti previa iscrizione, sotto la guida di due coordinatori provenienti da primarie scuole di design. Saranno fatti conoscere e testare con mano alcuni materiali ambientalmente sostenibili, che si contraddistinguono per innovazione e composizione. L’attenzione si focalizzerà principalmente su quelli che possono essere “potenzialmente” utilizzati per gli interni del veicolo. I materiali saranno messi a disposizione dei partecipanti i quali, a gruppi, dovranno esercitarsi su concept di utilizzo per l’interno di un’automobile sostenibile.

MAIN TOPICS

• Durable Bioplastics from Vegetables and Waste for Automotive Applications
• Sustainable Structural Materials for Automotive Applications
• Innovative and Natural Materials for Automotive Interior Design

Partecipano:

Introduzione a cura del chairman
Marco Comelli, Principal consultant, Studio Comelli

Bioplastiche durevoli da vegetali e scarti per applicazioni nell’automotive
Erin Simon, Manager, Packaging and Material Science, WWF and Coordinator, Bioplastics Feedstock Alliance

Materiali strutturali sostenibili per l’automotive
Giorgio Stirano, Fondatore, Albatech

Materiali innovativi e naturali per il design d’interni automobilistici
Marco Capellini, CEO, Matrec

Workshop laboratorio, ore 14.00 – 17.30

Riservato agli studenti del corso Transportation Design dello IAAD
Il Workshop è gestito da Marco Capellini con Luciano Bove

Saranno fatti conoscere e testare con mano alcuni materiali ambientalmente sostenibili, che si contraddistinguono per innovazione e composizione. L’attenzione si focalizzerà principalmente su quelli che possono essere “potenzialmente” utilizzati per gli interni del veicolo. I materiali saranno messi a disposizione dei partecipanti i quali, a gruppi, dovranno esercitarsi su concept di utilizzo per l’interno di un’automobile sostenibile.

Euromed                                                                                                                           Euromed2

H2 – CONVEGNO “DOING BUSINESS WITH SOUTH-MEDITERRANEAN AREA”
NELL’AMBITO DEL PROGETTO EUROMED Invest
A cura del Centro Estero per l’internazionalizzazione
In collaborazione con Union Camere Piemonte

Giovedì 13 novembre – Sala Lisbona, ore 9.00 – 13.00

ll Bacino del Mediterraneo rappresenta un’area di importanza prioritaria non solo per lo sviluppo e il consolidamento delle strategie politiche ed economiche dell’Unione Europea, ma anche per le promettenti opportunità di collaborazione presenti in numerosi settori. Trasporti e infrastrutture sono fattori chiave per la crescita e la competitività di quest’area. La vicinanza della regione ai mercati chiave, la crescita della popolazione e lo sviluppo economico determinano in maniera crescente la necessità di soluzioni moderne, efficienti e ben pianificate.

Per promuovere e dare nuovo impulso alla collaborazione UE-Bacino del Mediterraneo nasce EUROMED Invest, il progetto finanziato dalla Commissione Europea, co-ordinato da ANIMA Investment Network, in partenariato con oltre 70 organizzazioni specializzate di supporto al business europee e dei paesi della sponda sud del Mediterraneo.
Primo appuntamento EUROMED a Torino è Smart Mobility World con il workshop “Doing business with South-Mediterranean area”, un momento d’incontro con esperti di mercato e rappresentanti istituzionali provenienti dall’area Med, organizzato dal Centro Estero per l’Internazionalizzazione in collaborazione con Unioncamere Piemonte.

PROGRAMMA

Registrazione partecipanti

Apertura della sessione – Saluti di benvenuto

EUROMED Invest: una nuova sfida per potenziare la collaborazione UE Mediterraneo nei settori: trasporti & logistica, ambiente & energia,
agroindustria, turismo, creative industries.
Relatore: Rappresentante ANIMA Investment Network

Prospettive settoriali e opportunità di business nell’area del bacino del Mediterraneo. Focus Algeria, Tunisia, Egitto, Israele.
Relatori: Rappresentanti di Agenzie di Promozione, Organizzazioni di supporto al business e Centri di Sviluppo Tecnologici

Dibattito
Chiusura della Sessione

Al termine della sessione plenaria i relatori saranno a disposizione per incontri di approfondimento individuale presso il Med Pavillon sito nell’area sponsor.

Euromed3                                                                       Euromed4                                                                      Euromed5.png

H3 – WORKSHOP “PROGETTO PUMAS”
SVILUPPARE E ATTUARE UN PIANO URBANO DELLA MOBILITA’ SOSTENIBILE
In collaborazione con il Comune di Torino

Venerdì 14 novembre – Sala Copenaghen, ore 14.00-18.00

Un Piano Urbano della Mobilità Sostenibile contribuisce in maniera significativa a raggiungere gli obiettivi climatici ed energetici fissati dai leader europei. Per questo motivo i PUMS sono stati promossi dalla Commissione europea, ad esempio con il Piano d’azione sulla mobilità urbana (2009) e con il Libro bianco sui trasporti (2011), come strumenti di pianificazione di nuova concezione, in grado di affrontare le sfide poste dai trasporti e le criticità che interessano le aree urbane in un’ottica maggiormente integrata e sostenibile, caratteristiche che fanno prevedere una permanenza stabile e duratura dei PUMS sull’agenda politica della Commissione europea e degli stati membri.

Chairman: Roberto Bertasio, Direttore Divisione Infrastrutture e Mobilità, Comune di Torino

Interventi introduttivi
Cesare Paonessa, Direttore, Agenzia Mobilità Metropolitana Torinese
Donatella Mosso, Direttore, Fondazione Smartcities Torino
Giuseppe Mella, Coordinatore, Progetto PUMAS – Alpine Space
Pier Paolo Pentucci, Coordinatore, Progetto PUMAS – Alpine Space

Linee guida SUMP; la piattaforma europea SUMP
Patrizia Malgieri, Responsabile dell’area pianificazione dei trasporti, TRT Trasporti e Territorio

Strumenti di pianificazione, l’approccio OPTICITIES
Marina Dragonieri, Esperta nel settore dei Trasporti e della mobilità sostenibile, CSI Piemonte